testata

La scomparsa del tetto copertura

Dopo le proteste degli abitanti di Terschelling, in Olanda, contro la demolizione del vecchio municipio e la costruzione di un nuovo edificio lo studio di architettura De Zwarte Hond ha optato per il mantenimento del Palazzo del Municipio del 1954, costruito in stile tradizionale, decidendo di integrarlo con una nuova ala.

 

DeZwarteHond Terschelling11 large

 

Il nuovo edifico è quasi neutro, in parte perché si posiziona come un prolungamento di un dislivello del terreno, in parte perché dominato da grandi vetrate e, in parte per le soluzioni scelte per il tetto. Il risultato è che l'architettura, indubbiamente moderna e di stile internazionale, sembra scavata nel paesaggio.

 

DeZwarteHond Terschelling3 large

 

Ma è sul tetto che fermeremo la nostra attenzione.
Il piano di copertura del maggiore volume è parzialmente coperto di pannelli solari e forma una tenda sul lato del cortile, la parte rimanente è un prato tetto. Con il sistema e il tipo appropriato il prato può, infatti, essere impiantato anche sul tetto. in Canada e in Germania se ne vedono molti. Dalle nostre parti, invece, è una rarità la copertura con vegetazione. L'impressione è che dove non ci sono motivazioni legate all'inserimento in antichi centri o paesi le coperture dovrebbero perdere la loro caratteristica di copertura per diventare o spazi di aggregazione, o aree per installare sistemi di produzione energetica o si dovranno mimetizzare con la soluzione del tetto prato, una soluzione ottimale anche per l'isolamento termico o sonoro.

 

DeZwarteHond Terschelling5 large

 

SchemaPratotettoSX

Share

Habitat del terzo millennio

Sostenibilità.

Questa è la parola d'ordine dell'habitat del terzo millennio. Lo spazio fisico che ci circonda e nel quale viviamo dovrà, inevitabilmente, diventare sostenibile.

Impatto zero.

L'impatto dell'impronta ecologica e del consumo energetico dei manufatti che arrederanno il nostro habitat futuro dovrà essere pari a zero.

Energie dolci e rinnovabili.

Dalle grandi reti energetiche dovremo passare a una infrastrutturazione del territorio basata su produzione locale, con fonti alternative e rinnovabili.

Paesaggio e bellezza.

Ovunque, ma più che mai nella nostra penisola la regola che dovrà condurre la mano dei nostri progettisti e governanti è l'esaltazione della bellezza del paesaggio italiano.

Nel rispetto di questi capisaldi si svilupperà l'intervento e l'attenzione di OfficineEinstein.