testata

Fare soldi con i rifiuti di Napoli

In Svezia il business delle biomasse ricavate dalla spazzatura genera ingenti profitti ed è la principale fonte di energia svedese, davanti a petrolio e nucleare. In Svezia solo l'1 percento dei rifiuti va in discarica. La materia prima è talmente ricercata che le imprese cominciano a rivolgersi all'estero a chi ne ha in abbondanza. E dalle fogne esce biocarburante.

Pubblichiamo un articolo di Tomasz Walat pubblicato sul giornale polacco Polityka e tradotto per l'internazionale da Andrea de Ritis.

 

rifiuti napoli

 

Esattamente cento anni fa (NdR: l'articolo è del maggio 2011) la Svezia inaugurava il suo primo inceneritore di rifiuti. Da allora questa industria è diventata la principale fonte di energia svedese, davanti al petrolio e al gas. Queste strutture forniscono più energia delle fonti idrauliche e nucleari messe insieme.

Le biomasse, composte da rifiuti vegetali e animali (e anche umani) è largamente utilizzata nella produzione di elettricità e di calore. La maggior parte delle città svedesi è riscaldata attraverso centrali termiche alimentate direttamente dalla combustione di rifiuti o dal biogas prodotto a partire da questi ultimi.

 

Il fumo di tre sigarette

Il riscaldamento della capitale svedese dipende soprattutto dalla centrale di cogenerazione di Högdalen e da alcuni strutture minori situate nelle immediate vicinanze delle abitazioni. Questi impianti non hanno mai provocato le proteste della popolazione.
I responsabili della centrale di Högdalen sottolineano spesso che il gas che esce dalle loro ciminiere contiene la stessa quantità di sostante tossiche del fumo di tre sigarette. E gli ispettori incaricati della protezione dell'ambiente confermano questo dato.
In Svezia solo l'1 per cento dei rifiuti va in discarica. Si tratta per lo più di sostanze pericolose, chiuse in contenitori ermetici che impediscono la contaminazione dell'atmosfera o delle falde freatiche.
Stoccolma è stata la prima città dell'Unione europea a ricevere (nel 2010) l'etichetta di "capitale verde" d'Europa. Il quartiere di Hamamrby Sjöstad è diventato un biglietto da visita che viene esibito volentieri agli esperti e ai turisti. Questo quartiere, che conta diverse decine di migliaia di abitanti, raggiungerà a breve l'autosufficienza energetica.

 

Biocarburante dalle fogne

Già adesso tutti i rifiuti domestici e le acque scure sono convogliati verso le stazioni di riciclaggio per essere trasformate in biocarburante, utilizzato poi dalla vicina centrale termica. Potenti pompe attingono il calore dalle acque del canale che collega il lago Mälaren, sul quale si trova la capitale, con il mar Baltico. Tutto ciò avviene a solo quattro chilometri dal centro di Stoccolma, nelle ex zone industriali e portuali.
La filiera del riciclaggio del rifiuti beneficia di agevolazioni fiscali e produce profitti così consistenti che i rifiuti cominciano a mancare. Già da anni Göteborg va a cercare rifiuti fino nella capitale norvegese dell'industria petrolifera, Stavanger. Ma anche la Norvegia, nonostante sia ricca di petrolio e gas, si è convertita all'utilizzo dei rifiuti come fonte di energia.

 

L'oro di Napoli

Così l'attenzione degli svedesi si è rivolta a Napoli, città letteralmente sommersa dai rifiuti. Fonte di problemi per gli italiani, i rifiuti sono una vera miniera d'oro per la società svedese-norvegese che prevede di comprarne fino a un milione di tonnellate all'anno, pagandoli circa 90 euro a tonnellata. I rifiuti stanno quindi diventato il vero "oro di Napoli".
L'impresa energetica Hem, a Halmstad, è pronta a risolvere la crisi dei rifiuti non solo a Napoli, ma anche in altre città europee, assicura il suo dirigente Per Aalund. In Europa circa 150 milioni di tonnellate di rifiuti finiscono nelle discariche, in violazione delle norme Ue. "Ma a noi interessano e siamo disposti a prenderli", assicura Aalund.

 

Share

Habitat del terzo millennio

Sostenibilità.

Questa è la parola d'ordine dell'habitat del terzo millennio. Lo spazio fisico che ci circonda e nel quale viviamo dovrà, inevitabilmente, diventare sostenibile.

Impatto zero.

L'impatto dell'impronta ecologica e del consumo energetico dei manufatti che arrederanno il nostro habitat futuro dovrà essere pari a zero.

Energie dolci e rinnovabili.

Dalle grandi reti energetiche dovremo passare a una infrastrutturazione del territorio basata su produzione locale, con fonti alternative e rinnovabili.

Paesaggio e bellezza.

Ovunque, ma più che mai nella nostra penisola la regola che dovrà condurre la mano dei nostri progettisti e governanti è l'esaltazione della bellezza del paesaggio italiano.

Nel rispetto di questi capisaldi si svilupperà l'intervento e l'attenzione di OfficineEinstein.