testata

Past present and future of public space

Dal 25 al 27 giugno 2014 è in programma a Bologna “Past present and future of public space. International conference on art, architecture and urban design” promosso da City Space Architecture
Il Convegno internazionale sarà dedicato all'esplorazione dello spazio pubblico analizzato attraverso il confronto tra diversi approcci teorici, ricerche e progetti.


Past present and future of public space” è infatti un progetto, sviluppato come attività di ricerca post-dottorato da Luisa Bravo, presso il Dipartimento di Architettura dell'Università di Bologna, che ha lo scopo di esplorare nuove dimensioni della sfera pubblica e discutere i risultati delle attività di ricerca, attraverso un approccio multidisciplinare, sullo spazio pubblico e argomenti correlati, mettendo a confronto le teorie e progetti con i consulenti e corrispondenti provenienti da contesti diversi.

 

Un percorso avviato nel 2012

Iniziato nel 2012, il progetto ha coinvolto molti studiosi e professionisti internazionali.

 

I primi risultati sono stati presentati e discussi in occasione della Biennale dello spazio pubblico a maggio 2013 a Roma e pubblicati in un numero speciale di accesso aperto e-journal “IN_BO. Ricerche e progetti per il territorio, la città e l'architettura”, dal titolo “Lo spazio pubblico di istruzione”, a cura di Luisa Bravo e Claudio Sgarbi.

Durante la sessione romana studiosi, architetti, urbanisti, progettisti, fotografi e artisti sono stai invitati ad aderire al progetto.


Il progetto di ricerca è stato poi discusso a Bologna a novembre 2013 durante un simposio e mostra al Quartiere san Vitale, Comune di Bologna, promosso da “City space architetture”.
La conferenza internazionale che si svolgerà a Bologna dal 25 al 27 giugno sarà l'occasione per presentare i risultati finali della ricerca.


L'evento si svolgerà in luoghi diversi del centro di Bologna, dalla Biblioteca dell'Archiginnasio al Cinema Europa, dalla Scuola di Ingegneria e architettura alla Salaborsa. 


Scopri tutti i dettagli del programma 
140622 ppf

Share

Habitat del terzo millennio

Sostenibilità.

Questa è la parola d'ordine dell'habitat del terzo millennio. Lo spazio fisico che ci circonda e nel quale viviamo dovrà, inevitabilmente, diventare sostenibile.

Impatto zero.

L'impatto dell'impronta ecologica e del consumo energetico dei manufatti che arrederanno il nostro habitat futuro dovrà essere pari a zero.

Energie dolci e rinnovabili.

Dalle grandi reti energetiche dovremo passare a una infrastrutturazione del territorio basata su produzione locale, con fonti alternative e rinnovabili.

Paesaggio e bellezza.

Ovunque, ma più che mai nella nostra penisola la regola che dovrà condurre la mano dei nostri progettisti e governanti è l'esaltazione della bellezza del paesaggio italiano.

Nel rispetto di questi capisaldi si svilupperà l'intervento e l'attenzione di OfficineEinstein.