testata

Case intelligenti, per studenti esigenti

Siete degli studenti fuori sede? Avete problemi a trovare un'abitazione a causa dei prezzi troppo alti in cambio di posti letto o appartamentini? Difficoltà di convivenza e desiderio di privacy?

Dalla Svezia arriva la microscopica Smart student unit, una sorta di capanna economica, eco-sostenibile, dal design pratico e pulito, in grado di soddisfare, in circa 10 metri quadrati, anche lo studente più esigente.
Il progetto è il frutto della collaborazione tra lo studio svedese di architettura Tengbom e l'Università di Lund, nel sud della Svezia, che ha cercato di dare una risposta alla perenne ricerca di case da parte degli studenti fuori sede e al costante tentativo di tagliare i costi delle abitazioni.

Si tratta di una piccolissima unità abitativa interamente in legno chiaro su due piani, che comprende angolo cottura, un bagno, uno spazio comune al pianterreno e una stanza con letto futon nella 'mansarda'. Il tutto privilegiando linee arrotondate, grandi spessori, e un verde mela negli accessori che la rende luminosa e giovane.

Una tana personalissima e rispettosa dell'ambiente, tanto da essere attualmente esposta al Virserum Art Museum dedicato a progetti ecosostenibili, per lo più in legno. La casetta con il tetto spiovente è costruita interamente in legno a km zero e con materiali ecologici ed è destinata ad essere piazzata in parchi dedicati, in modo da disporre di un fazzoletto di verde.

20140113 htm casetta1

20140113 htm casetta4

20140113 htm casetta2

20140113 htm casetta3

 

Leggi anche

Ilaria Massacesi (2015), Ecocapsule, OfficineEinstein, 28 Maggio 2015.

Cristiana Rinaldi (2015 ), Un cubo vuoto con sorpresa, OfficineEinstein, 03 Febbraio 2015.

Camilla Massacesi (2014), Smart Student Unit, OfficineEinstein, 10 Gennaio 2014.

Share

Habitat del terzo millennio

Sostenibilità.

Questa è la parola d'ordine dell'habitat del terzo millennio. Lo spazio fisico che ci circonda e nel quale viviamo dovrà, inevitabilmente, diventare sostenibile.

Impatto zero.

L'impatto dell'impronta ecologica e del consumo energetico dei manufatti che arrederanno il nostro habitat futuro dovrà essere pari a zero.

Energie dolci e rinnovabili.

Dalle grandi reti energetiche dovremo passare a una infrastrutturazione del territorio basata su produzione locale, con fonti alternative e rinnovabili.

Paesaggio e bellezza.

Ovunque, ma più che mai nella nostra penisola la regola che dovrà condurre la mano dei nostri progettisti e governanti è l'esaltazione della bellezza del paesaggio italiano.

Nel rispetto di questi capisaldi si svilupperà l'intervento e l'attenzione di OfficineEinstein.