testata

Il forum della sostenibilità

Il 31 ottobre prossimo, a Milano, presso lo spazio Oberdan, Comunicazione italiana dedicherà una giornata di dibattito e di discussione intorno ai temi della responsabilità sociale d'impresa. 

Riprendiamo la presentazione dell'evento direttamente dal suo sito

«Una giornata ricca di appuntamenti dove top manager, rappresentanti istituzionali e professionisti della comunicazione e csr, si incontrano per confrontarsi e capire insieme come promuovere uno sviluppo sostenibile (sociale, istituzionale, ambientale, economico), partendo dalla responsabilità sociale d'impresa.»

 

Logo del Forum della sostenibilitàMolti gli ambiti che saranno percorsi dirante la giornata di discussione: dall'economia, sviluppo urbano e territorio, alla formazione e innovazione, all'energia, ambiente e mobilità, fino all'alimentazione, salute e benessere.

 

Una prospettiva che ci conferma come ancora una volta quando si parla di sostenibilità quello che si tenta di costruire è davvero un nuovo habitat.

 

Inoltre, il programma prevede due interventi principali:

  • il primo dedicato all'alleanza di tutti i soggetti della vita pubblica e privata: istituzioni, organizzazione no profit, e imprese;
  • il secondo centrato su un passaggio fondamentale: dalla corporate responsability alla partecipazione attiva dei portatori di interessi.

 

Il forum si concluderà con la presentazione di best practices e di casi che testimoniano come sia possibile, e necessario, approcciare anche, e soprattutto, lo sviluppo economico nella prospettiva della sostenibilità.

 

Appuntamento, allora, al 31 ottobre a Milano. 

Share

Habitat del terzo millennio

Sostenibilità.

Questa è la parola d'ordine dell'habitat del terzo millennio. Lo spazio fisico che ci circonda e nel quale viviamo dovrà, inevitabilmente, diventare sostenibile.

Impatto zero.

L'impatto dell'impronta ecologica e del consumo energetico dei manufatti che arrederanno il nostro habitat futuro dovrà essere pari a zero.

Energie dolci e rinnovabili.

Dalle grandi reti energetiche dovremo passare a una infrastrutturazione del territorio basata su produzione locale, con fonti alternative e rinnovabili.

Paesaggio e bellezza.

Ovunque, ma più che mai nella nostra penisola la regola che dovrà condurre la mano dei nostri progettisti e governanti è l'esaltazione della bellezza del paesaggio italiano.

Nel rispetto di questi capisaldi si svilupperà l'intervento e l'attenzione di OfficineEinstein.