testata

Scrivere di città: design, architettura, paesaggio

La relazione tra l'architettura e il paesaggio è evidente a chiunque. Una relazione intensa, inevitabile; frequentemente di sopraffazione dove l'una cede il passo all'altro creando, ad esempio, un paesaggio di architetture, o un paesaggio naturale (cioé senza architetture).

Una relazione, quindi che, spesso, si traduce in conflitto; ma, poche volte, inestimabili, in capolavoro. Sono quei paesaggi che non sono di architetture, ma che l'architettura condiziona e determina, segna e contraddistingue.

 

Meno evidente ma altrettanto forte è il legame che c'è tra l'architettura e il design.

 

Parlare di architettura, paesaggio e design è uno dei tanti modi di parlare della bellezza. 

Scrivere di architettura, paesaggio e design è uno dei tanti modi di scrivere della bellezza.

E di come e cosa si è scritto di architettura, paesaggio e design è il tema di una serie di confronti che  Urban Center Bologna, in collaborazione con l'Università di Bologna, l'Ordine degli Architetti di Bologna e quello degli Ingegneri, promuove

 

Infatti tra il 9 maggio e il 6 giugno a Bologna si svilupperà il ciclo di confronti "Scrivere di città | architettura | paesaggio | design" per contribuire a leggere e interpretare il cambiamento della nostra società attraverso lo sguardo di libri e riviste in tema di architettura, urbanistica, design, innovazione.

 

Un'occasione per intendere anche come sta cambiando il mondo dell'editoria specializzata rispetto al generale cambiamento del mondo dell'informazione e alla divulgazione dei saperi.

 

Un ciclo di incontri, inoltre, che inaugura il nuovo punto di libera consultazione di libri e riviste specializzate che Urban Center Bologna ha allestito presso i suoi spazi. 

 

Il programma degli incontri

Ed ecco il programma degli incontri, tutti a ingresso libero: 

  • giovedì 9 maggio ore 17.30. Barclay&Crousse. Segnali di vita tra i due deserti con Fabrizio Foti, Francesco Cacciatore, Alessandro Gaiani;
  • mercoledì 15 maggio ore 17.30. Riviste a confronto: La città che cambia con Carlo Olmo, Laura Fregolent, Michelangelo Savino, Federico Oliva, Francesco Infussi, Nicola Marzot, Marcello Balzani. Modera Marco Guerzoni;
  • giovedì 23 maggio ore 18.00. Riviste a confronto: design e innovazione made in Italy con Aldo Colonnetti, Elena Formia, Laura Succini, Beppe Finessi modera Daniele Vincenzi;
  • mercoledì 29 maggio ore 17.30 L'architettura degli spazi del lavoro con Alberto Bertagna, Francesco Gastaldi, Sara Marini, Michele Zanelli, Werther Albertazzi;
  • martedì 4 giugno ore 17.30. 70/50. Due modi di dire architettura con Franco Purini, Cherubino Gambardella, Matteo Agnoletto, Sabina Tattara;
  • giovedì 6 giugno ore 17.30. II pianeta degli urbanisti e città in tempo di crisi con Giovanni Attili, Enzo Scandurra, Michelangelo Savino, Laura Fregolent, Patrizia Gabellini.

 

Per ulteriori informazioni e per aggiornamenti e verifiche degli appuntamenti.

 

Fonti

http://www.urbancenterbologna.net/index.php?/it/attivita-urban-center-bologna/scrivere-di.html

 

Share

Habitat del terzo millennio

Sostenibilità.

Questa è la parola d'ordine dell'habitat del terzo millennio. Lo spazio fisico che ci circonda e nel quale viviamo dovrà, inevitabilmente, diventare sostenibile.

Impatto zero.

L'impatto dell'impronta ecologica e del consumo energetico dei manufatti che arrederanno il nostro habitat futuro dovrà essere pari a zero.

Energie dolci e rinnovabili.

Dalle grandi reti energetiche dovremo passare a una infrastrutturazione del territorio basata su produzione locale, con fonti alternative e rinnovabili.

Paesaggio e bellezza.

Ovunque, ma più che mai nella nostra penisola la regola che dovrà condurre la mano dei nostri progettisti e governanti è l'esaltazione della bellezza del paesaggio italiano.

Nel rispetto di questi capisaldi si svilupperà l'intervento e l'attenzione di OfficineEinstein.